Visitando Farmasubito.com acconsenti all'utilizzo dei Cookie per una migliore esperienza di navigazione.
Maggiori Dettagli ACCETTO

Mantenere a Lungo l’Abbronzatura

mantenere-abbronzatura-a-lungo

Dopo l’estate o più in generale le vacanze al sole, in qualsiasi periodo dell’anno, la nostra pelle perde la melanina, e di conseguenza l’abbronzatura, entro massimo 30 giorni dall’ultima esposizione al sole. La produzione di melanina e l’abbronzatura che ne deriva sono di fatto una risposta della nostra pelle agli attacchi dei raggi del sole, ovvero ad una situazione di stress: perdere l’abbronzatura, così come ottenerla, fa parte del ciclo di salute della pelle e mantenere l’epidermide abbronzata sempre o per periodi di tempo molto lunghi è di fatto una situazione innaturale che, con il passare del tempo, causa più danni che benefici alla nostra salute.

Senza prendere in considerazione l’utilizzo di creme autoabbronzati o altri “accorgimenti” che si limitano a ricreare artificialmente l’abbronzatura, esistono dei sistemi per limitare nel tempo la perdita di pigmenti da parte della cute e per evitare anche dopo l’esposizione l’insorgere di colorito a chiazze, pelle arida e invecchiamento fotoindotto.

La prima e fondamentale regola per avere un’abbronzatura che duri nel tempo è abbronzarsi nel modo giusto, così da prevenire i danni dell’esposizione solare già mentre si ottiene l’abbronzatura stessa.

Il più comune ed odiato fenomeno che si manifesta quando la  pelle perde l’abbronzatura è la desquamazione dovuta al rinnovamento cellulare dell’epidermide che elimina le cellule morte e contenenti i pigmenti prodotti durante l’esposizione. Un buon metodo per limitare questo fenomeno è continuare ad utilizzare una buona crema o un balsamo doposole durante tutto il periodo estivo e anche dopo le vacanze, per mantenere la pelle idratata e limitarne la secchezza.

Sempre per rallentare il processo di perdita dei pigmenti è meglio preferire rapide docce ai bagni rilassanti nella vasca, in quanto il contatto prolungato con l’acqua, soprattutto se tiepida e piena di schiuma, favorisce il processo di desquamazione della pelle. La doccia, invece, mantiene la pelle tonica ed elastica, preferendo un olio o un gel idratante specifico al posto del classico docciaschiuma. Quando ti asciughi, cerca sempre di tamponare la pelle invece di sfregarla.

I prodotti a base di alcohol, come i profumi, sono da utilizzare il meno possibile, in quanto tendono ad inaridire la pelle: molto meglio profumarsi con oli essenziali o creme profumate.

L’alimentazione gioca un ruolo importante nel conservare il colorito estivo della pelle: alcuni nutrienti sono più indicati per limitare l’ossidazione della pelle causata dai raggi del sole, ovvero vitamina A, vitamina E, vitamina B e minerali come Zinco e Selenio. Sono da preferire la frutta rossa, la frutta giallo-arancione, la frutta secca e l’olio di oliva. Non dimenticarti di bere molto, almeno un litro di acqua al giorno!

Ultimo ma non meno importante, se hai la possibilità di ritagliarti un po’ di tempo libero durante la giornata (ad esempio in pausa pranzo), puoi fissare la tua abbronzatura esponendoti agli ultimi raggi di sole della stagione al parco, in piscina o in giardino: bastano anche solo venti minuti di esposizione, anche nei weekend, per “fissare” la melanina e conservarla molto più a lungo.

Cura al Meglio la tua Abbronzatura

comments powered by Disqus