Visitando Farmasubito.com acconsenti all'utilizzo dei Cookie per una migliore esperienza di navigazione.
Maggiori Dettagli ACCETTO

Prevenire e Curare la Dermatite da Pannolino

Prevenire e curare la Dermatite da Pannolino

La dermatite da pannolino, detta anche eritema da pannolino, è un arrossamento della cute a contatto con il pannolino, più frequentemente natiche, genitali, interno coscia e inguine, che si manifesta spesso nei neonati e nei bambini sotto i due anni di età, quando la loro delicatissima pelle è sensibile ad ogni contatto da sfregamento. Ne sono più sensibili i bambini affetti da dermatite atopica.

Spesso motivo di apprensione da parte dei genitori, la dermatite da pannolino può a volte essere la spia di altre malattie o veicolo di infezioni da parte di batteri o funghi e, senza voler alimentare ansie ingiustificate, se il fenomeno persiste o ritorna con frequenza è bene far visitare il neonato o il bambino da un pediatra o da un dermatologo specializzato nella cura delle malattie infantili.

Esistono varie tipologie di dermatite da pannolino, tra cui la dermatite irritativa (infiammazione della pelle dovuta al contatto con agenti irritanti), la dermatite seborroica (caratterizzata da squame gialle e untuose) o la psoriasi da pabbolino (caratterizzata da lesioni infiammate ricoperte da squame).

Quando e Come si Manifesta la Dermatite da Pannolino

Nella maggior parte dei casi, la dermatite da pannolino appare dopo il quinto mese di vita del neonato, quando, cioè, comincia a mantenersi in posizione seduta e la sua pelle sottile e sensibile è maggiormente soggetta agli sfregamenti. Spesso si tratta di un semplice arrossamento della cute a forma di “W” che comprende natiche, genitali e l’inguine, ma si potrebbe manifestare anche a forma di “Y” e comprendere la pelle dall’inguine fino alla zona anale: in questo secondo caso, la dermatite da pannolino potrebbe essere sintomatica di un’infezione alle vie urinarie.

Le cause della dermatite da pannolino sono lo sfregamento della pelle contro il pannolino, l’eccesso di umidità, soprattutto durante i mesi più caldi e dovuto anche all’utilizzo di creme o prodotti cosmetici, e il contatto prolungato della cute con le feci e l’urina che favorisce una macerazione da ristagno.

Trattamento e Cura della Dermatite da Pannolino

Nel caso di semplici arrossamenti, è sufficiente lavare bene la cute del neonato con abbondante acqua tiepida e lasciarla all’aria, libera dal pannolino, per qualche ora ogni giorno. È possibile utilizzare anche cosmetici, detergenti e creme specifiche per il trattamento delle aree arrossate, ma sarebbe meglio evitare di aumentare eccessivamente l’umidità a contatto con la pelle già irritata. In caso tu voglia comunque utilizzare un prodotto specifico, ti consigliamo creme (più facili da pulire) o paste all’ossido di zinco, che proteggono dal contatto con feci ed urina ed aiutano la cicatrizzazione di piccole piaghe e ferite che potrebbero comparire.

Se dopo qualche giorno di pulizie regolari o trattamento con creme e paste lenitive non ci sono segni evidenti di miglioramento, è meglio rivolgersi al proprio pediatra o a un dermatologo specializzato in malattie infantili. In caso il medico constatasse forme differenti dalla semplice dermatite da sfregamento, ad esempio psoriasi, candidasi o dermatite allergica da contatto, sarà lui a consigliarvi il modo migliore per intervenire e curare il bambino. Se volete maggiori informazioni sulle forme più acute di dermatite da pannolino, vi consigliamo la lettura di questo articolo della Dott.ssa Maya El Hachem.

Prevenire la Dermatite da Pannolino

Ecco alcuni semplici consigli utili sia per trattare la dermatite da pannolino, sia per evitarne la comparsa:

  • Cambia spesso il pannolino, fino a 5 o 6 volte al giorno in caso di arrossamenti.
  • Utilizza pannolini molto assorbenti, in modo che la pelle sia il più possibile libera dal contatto con feci ed urina, ed evita di stringerli troppo quando li chiudi.
  • Lascia il più possibile la pelle del tuo bambino all’aria, senza pannolino e preoccupandoti di lavare vestiti, copertine o altri tessuti utilizzando detersivi ipoallergenici.
  • Ad ogni cambio di pannolino, lava il bambino con abbondante acqua tiepida e, se lo desideri, utilizzando saponi o prodotti ipoallergenici, neutri e senza profumi. Le salviettine detergenti o umidificate sono da prendere in considerazione solo se non ci sono alternative. Dopo il bagnetto o il lavaggio, asciuga bene e delicatamente la pelle del bambino.
  • In caso di arrossamenti, non usare borotalco o acido borico! Possono causare irritazioni e venire assorbiti dalla pelle già arrossata peggiorando la situazione.

Prodotti Consigliati

comments powered by Disqus