Visitando Farmasubito.com acconsenti all'utilizzo dei Cookie per una migliore esperienza di navigazione.
Maggiori Dettagli ACCETTO

Ustioni Solari, i Rimedi per le Scottature

Rimedi contro Scottature del Sole

Le scottature e le ustioni provocate dall’esposizione ai raggi del sole rappresentano un serio problema per la salute della nostra pelle soprattutto durante i mesi estivi, quando la ricerca dell’abbronzatura perfetta ci porta, spesso anche a causa di una punta di incoscienza, ad esporci ai raggi del sole per periodi troppo lunghi, oppure senza utilizzare una adeguata protezione solare.

Le scottature provocate dal sole non sono semplicemente antiestetiche, ma possono essere anche pericolose per la nostra salute.

Cosa Sono le Ustioni Solari e Perché sono Pericolose

L’ustione solare è un’infiammazione della pelle provocata dalla prolungata esposizione ai raggi del sole che, oltre a stimolare la produzione di melanina che risulta nell’abbronzatura, irritano la nostra cute, provocano effetti dannosi e la disidratano.

I raggi ultravioletti (UV-A e UV-B) causano la comparsa di eritemi, le infiammazioni della pelle dovute sia all’eccessiva esposizione ai raggi solari, sia a fattori allergici e di sensibilità personale.

Gli eritemi solari rendono la pelle rossa, estremamente sensibile, dolorosa al tatto e, nei casi più gravi, provocano la comparsa bolle diffuse, febbre, mal di testa e malessere generale. Nonostante l’eritema solare tenda a guarire nel giro di pochi giorni, con il passare del tempo rende la nostra pelle molto più propensa alla comparsa di macchie cutanee, cheratosi attinica, comparsa di melanoma (tumore della pelle), formazione di rughe e invecchiamento precoce della pelle (invecchiamento fotoindotto).

Come Comportarsi in caso di Ustione o Eritema

Nei casi più gravi, ovvero in caso di febbre, bolle, mal di testa forte, o protrarsi del dolore per oltre 48 ore, rivolgetevi il prima possibile ad un medico o al pronto soccorso più vicino. Ricordate sempre che le ustioni più gravi sono quelle che rendono la pelle non sensibile e con assenza di dolore al tatto, in quanto oltre alla cute viene compromesso anche il sistema nervoso che provoca la sensazione di dolore.

Nel caso dell’eritema tipico da “scottatura estiva”, l’ideale è idratare immediatamente la pelle con lozioni, doposole specifici per scottature e prodotti in grado di alleviare la sensazione di bruciore. Se possibile, cercate di ventilare la parte scottata, ad esempio con un ventilatore, per ottenere un sollievo immediato, ma che purtroppo scomparirà non appena vi allontanerete dalla fonte.

Rimedi efficaci per alleviare la sensazione di disagio sono inumidire panni, o asciugamani, con acqua fredda e avvolgerli intorno a braccia e gambe: sostituite gli asciugamani e i panni non appena avvertite nuovamente la sensazione di calore. Ovviamente anche docce e bagni freddi sono degli ottimi palliativi, l’importante è asciugarsi con un asciugamano morbido per evitare di grattare ed irritare ulteriormente la pelle.

Anche nel caso di ustioni, eritemi e scottature l’alimentazione viene in nostro aiuto: è importante bere molta acqua per idratare il nostro organismo e stimolare la sudorazione, ovvero la più efficace barriera protettiva naturale della nostra epidermide. Sempre per stimolare l’idratazione e la ricostruzione fisiologica della cute compromessa, vi consigliamo di arricchire la vostra alimentazione con frutta, verdura e alimenti ricchi di Vitamina C e Vitamina E: queste due vitamine sono degli antiossidanti naturali, capaci di stimolare il processo di ricostruzione della cute e ridurre l’entità della scottatura.

Prevenire gli Eritemi Solari

La prevenzione inizia prima di tutto con il buon senso: evitate di esporvi ai raggi del sole durante le ore più calde e pericolose della giornata (dalle 11:00 alle 16:00), ovvero quando i raggi UV-A e UV-B sono più intensi. Premuratevi di utilizzare una protezione solare con un fattore di protezione adatto al vostro fototipo (la pelle chiara, i capelli rossi, i capelli biondi e la presenza di lentiggini sono un campanello d’allarme genetico che ci ricorda una maggiore propensione alla comparsa di eritemi e quindi la necessità di utilizzar protezioni con SPF più elevato).

Altri consigli utili per la prevenzione sono:

  • Bere molta acqua durante l’esposizione al sole
  • Applicare spesso la protezione solare, soprattutto dopo i bagni
  • Evitate l’esposizione diretta al sole per periodi prolungati: lasciate riposare la pelle con venti minuti di ombra ogni ora di esposizione solare
  • Mangiare alimenti ricchi di Vitamina A (betacarotene), che stimola la produzione di melanina e riduce il rischio di comparsa di eritemi.

Cosa NON fare in caso di Eritema Solare

Una delle manifestazioni tipiche che accompagnano la pelle irritata dalla troppa esposizione ai raggi del sole è il prurito: nonostante possa provocare un sollievo temporaneo, evitate di grattare la pelle arrossata o di asciugarvi con panni ruvidi, in quanto potreste peggiorare l’irritazione, nonostante il sollievo temporaneo.

Bere acqua ghiacciata non solo non porterà alcun sollievo alla sensazione di bruciatura, ma aumenterà il rischio di congestione ed è quindi da evitare.

In caso decidiate di applicare creme lenitive sulle parti arrossate dall’eritema, assicuratevi che la crema o il prodotto cosmetico non contenga benzocaina: la benzocaina è un anestetico locale che, in caso di ipersensibilità personale, può manifestare fenomeni di allergie ed aggravare la situazione della vostra pelle.

Per almeno 15 giorni dopo la scomparsa dell’eritema, eliminate dalla vostra “routine” cosmetica scrub, peeling e lampade abbronzanti, mentre è da evitare assolutamente anche l’ulteriore esposizione della pelle già arrossata ai raggi solari.

comments powered by Disqus